Il 23° HBH in difesa della pista ciclabile della Bornata su Brescia Oggi

Un ringraziamento ad Andrea Podestani e al suo collega fotografo per aver creduto, insieme a noi, che nonostante la pioggia la protesta si sarebbe svolta e un GRAZIE al “Bresciaoggi” per averci dato un così ampio spazio.

Il testo dell’articolo:

“La pioggia ci ha provato, ma non è riuscita a bloccarlo del tutto. Si è tenuto comunque il sit-in organizzato dagli «Amici della bici» che ieri pomeriggio, dopo aver attraversato le zone nevralgiche della città, si sono ritrovati alle 19 in viale Bornata, davanti a Borgo Wuhrer, a margine del ventitreesimo «Happy Hour bike», il consueto «aperitivo in bicicletta» in programma ogni ultimo venerdì del mese. E la protesta questa volta ha assunto un valore particolare: ricordare la scomparsa di Gino Beriola, il 72enne di San Polo morto lo scorso 12 ottobre in seguito ad un violento scontro con un camioncino parcheggiato in piena pista ciclabile proprio in viale Bornata . Nonostante la tenacia della protesta, il livello di scarsa sensibilità verso i ciclisti mostrata dalle auto in transito non è sembrato diminuire. Tutt’altro. «Si tolga subito di qui!» urla alterato Ivano Baldi, membro degli «Amici della bici», rivolgendosi ad un’automobilista che decide di parcheggiare in piena pista ciclabile nell’ora di punta. Una sosta che costringe un ciclista a fermarsi di colpo per poi cambiare percorso.
«La ragione della protesta è sotto gli occhi di tutti – spiega Angelo D’Errico, vicepresidente del circolo – chiediamo semplicemente di spostare di un paio di metri le file di paletti di metallo presenti ai lati delle strade per salvaguardare i percorsi riservati alle bici, oltre a coinvolgere le scuole guida a migliorare il comportamento degli automobilisti». «L’impressione che si avverte girando per le strade – secondo Egidio Crotti – è che i ciclisti corrano i rischi maggiori perchè molti automobilisti non si attengono alle norme stradali. In Germania non esistono protezioni a margine delle piste ciclabili, senza che se ne avverta il bisogno».
Ma alla manifestazione non sono presenti solo i soci del circolo. Paolo Faustini oltre a far parte del circolo è anche membro del Meet-Up di Beppe Grillo. «La collaborazione è iniziata dopo il blocco della tangenziale sud avvenuto lo scorso febbraio, durante una giornata di blocco del traffico». «Eppure a Brescia molti cittadini usano la bici – riprende Ivano Baldi – per cui non si può dire che non ci sia sensibilizzazione. I dati di rilevazione compiuti dal Comune dimostrano che l’affluenza di ciclisti tra le 7.30 e le 9.30 e tra le 17.30 e le 19 è buono anche se si potrebbe fare di più».”

Annunci

Brescia su Critical Map

Ho il piacere di annunciarvi che dopo qualche mese di attesa è stata pubblicata la nostra cartina su Critical Map. Per chi non sapesse cos’è Critical Map, eccovi il manifesto dei suoi creatori:

Manifesto
Critical Map è un progetto di “ciclocartografia partecipata”: il sito http://www.criticalmap.org costituisce una piattaforma comune che permette – a chi si muove in bicicletta – di fissare la propria visione dello spazio urbano sulla mappa delle nostre città.

Perché Critical Map
Il nome “Critical Map” ha un doppio significato: da una parte, fa riferimento all’esperienza di Critical Mass, che ha dato origine allo spunto iniziale. Dall’altra, fa riferimento alla possibilità di fissare su una mappa la visione “critica” ed onirica che un ciclista ha della propria città e delle possibilità che il suo territorio può offire.

Obiettivi
Anche l’obiettivo di Critical Map è duplice: da una parte, la Critical Map è una mappa ad uso e consumo dei ciclisti, utile per aver consigli sui percorsi migliori da percorrere in bicicletta, sulle zone da evitare, sui cantieri delle nuove piste ciclabili, ecc.; dall’altra, con Critical Map si dà una rappresentazione della nostra città ideale: come dovrebbe essere la città per venire incontro alle nostre esigenze di mobilità? Con Critical Map possiamo, ad esempio, mostrare alle amministrazioni locali quali sono i punti critici in cui sarebbe utile intervenire, dove servirebbero nuove piste, dove bisognerebbe controllare meglio la situazione del traffico, ecc… Parallelamente a ciò si potranno segnare luoghi o percorsi di utilità o di attenzione per il ciclista urbano: ciclofficine, percorsi della massa critica, fontanelle dove abbeverarsi, luoghi e traiettorie per inventarsi percorsi comuni verso i luoghi di lavoro, studio, divertimento…
In generale, Critical Map è uno strumento per promuovere un’idea di mobilità sostenibile che ha al suo centro la bicicletta.

Un blog dalla strada
Ma non solo: andare in bici per la città è un’esperienza magnifica e può dare sensazioni uniche. Allora sulla Critical Map si potranno segnare luoghi e percorsi legati all’aspetto emozionale (singolare e collettivo) dell’andare in bicicletta: luoghi della memoria, luoghi in cui ti sei innamorato pedalando, luoghi che ti hanno dato emozioni particolari. Potresti anche segnalare che in quel punto, proprio lì, alle 2:03 di mattina, tornando da una serata alcolica, ti sei piantato a terra perchè i tuoi piedi sono scivolati sui pedali…

Critical Map va quindi a costituire una sorta di blog dalla strada, una mappa psicogeografica che si muove come un boa con i “post-it” azzeccati sulla schiena, immaginarie scie che tracciano le nostre nuova città…

Per ora sono riuscito solo ad inserire il ritrovo dei nostri HBH e l’itinerario dell’appuntamento di domani, per una questione di tempi.
Presto inseriremo la rete delle piste ciclabili bresciane e piano piano segnaleremo tutti i problemi che hanno.
Chi vuol dare una mano a questo progetto è il benvenuto, quindi iscrivetevi numerosi e pubblicate qualsiasi suggerimento, ricordo, segnalazione, riguardo alle vostre esperienze da ciclisti urbani: saranno fondamentali! Critical Map è uno strumento molto importante e funzionale: ci permetterà di avere sotto controllo la situazione di tutta la città, di segnalare alla nostra amministrazione in modo preciso gli interventi da fare e di scambiarci consigli su come girare al meglio la nostra città in bicicletta evitando cantieri, zone pericolose e quant’altro.
Funzione molto interessante: per ogni segnalazione è possibile caricare una fotografia di testimonianza…
Alla prossima, intanto iscrivetivi numerosi!
http://www.criticalmap.org/brescia/

Sit-In in Viale Bornata durante il 23HBH

COMUNICATO STAMPA: SIT-IN in Viale Bornata durante

il 23° Happy Bike Hour

Venerdì 26 Ottobe 2007, come di consueto ogni ultimo venerdì del mese, alle ore 18 partirà dalla pensilina parcheggio biciclette della stazione FS di Brescia, il “23° Happy Bike Hour – L’aperitivo in bicicletta”.

La pedalata si snoderà lungo le vie della città (più precisamente Piazzale Stazione, Via Foppa, Via XX Settembre, Via Gramsci, Via IV Novembre, Piazza Vittoria, Via XXIV Maggio, Via A .Volta, Via X Giornate, Piazza Loggia, Via X Giornate, Corso Zanardelli, Corso Magenta, Piazzale Arnaldo, Via Spalto San Marco, Via Carini, Via XXV Aprile, Via Inganni, Via Diaz, Viale Duca D’Aosta, Viale Piave, Viale Bornata (sulla ciclabile)) fino a raggiungere Borgo Wuhrer.

La scelta di arrivare in questa zona non è casuale bensì vuol porre l’attenzione sul problema sicurezza della pista ciclabile di Viale Bornata dove è palesemente accertata l’invasione della corsia riservata alle biciclette da parte di automobilisti ineducati che la utilizzano come parcheggio causando seri pericoli ai ciclisti. Questa situazione ci preoccupa ancor di più, dopo quanto successo lo scorso 11 ottobre, quando questa pista ciclabile è stata tragicamente teatro di un incidente mortale causato dalla sosta di un furgone.

Al termine della biciclettata (intorno alle ore 19) effettueremo un “sit-in” sul marciapiede antistante l’entrata principale di Borgo Wuhrer per sensibilizzare la cittadinanza al problema ma soprattutto per chiedere all’amministrazione comunale un intervento per la messa in sicurezza del percorso ciclabile andando a delimitare il bordo esterno della pista con un cordolo in cemento o meglio attraverso dei paracarri dissuasori di sosta cilindrici in acciaio come quelli raffigurati nella fotografia in allegato (opportunamente segnalati con l’applicazione di catarinfrangenti adesivi) che impediscano efficacemente e permanentemente la facile invasione delle auto.

Le proposte:

 

 

 

23° Happy Bike Hour

23hbhredifurb001.jpg

Anche l’ultimo venerdì di Ottobre si ripresenta l’entusiasmante appuntamento con l'”Happy Bike Hour – L’ Aperitivo in bicicletta”.
Ci si trova presso la pensilina del parcheggio biciclette della nostra stazione ferroviaria alle ore 18. Dal ritrovo, scortati dai sempre gentilissimi motociclisti e ciclisti agenti della Polizia Locale, si gira per le strade della città cercando di sensibilizzare automobilisti e pedoni ad usare la bicicletta come mezzo di trasporto in modo gioioso con tanta musica e fantasiose coreografie.
Al termine della passeggiata si prenderà un aperitivo insieme.
Invitiamo più gente possibile a partecipare, c’è da divertirsi!

 

L’appuntamento è fissato per venerdì 26 Ottobre 2007, ore 18,
presso la pensilina bici della stazione FS di Brescia.